La Francia multa Google: 57 milioni di dollari per la trasparenza dei dati

Il Paese sostiene che Google ha violato il GDPR con politiche poco chiare
Le norme sul GDPR dell'Unione europea sono recenti, ma Google è già nei guai per alcune violazioni che sono state denunciate. Il garante francese del CNIL ha multato Google 50 milioni di euro (circa 57 milioni di dollari) per la presunta mancanza di politiche di consenso dei dati che siano trasparenti e "facilmente accessibili". Secondo quanto riferito, Google ha reso difficile essere a conoscenza e controllare l'utilizzo dei dati personali, inclusi quelli per gli annunci mirati. A volte può registrare "cinque o sei azioni" prima ancora di sapere che cosa ne sta facendo Google, ha detto CNIL, sostenendo anche che la società ha diffuso informazioni sul targeting degli annunci in "diversi documenti".

La CNIL ha sostenuto che l'ammontare dell'ammenda era valido in quanto non è solo una violazione di base dei "principi essenziali" del GDPR, ma una violazione costante piuttosto che episodica.

In risposta, un membro di Google ha dichiarato a The Local che l'azienda è "profondamente impegnata" nella trasparenza e il controllo e che sta "studiando la situazione" per determinare come muoversi in seguito. Tuttavia, le opzioni non sono molte. Se non è in grado di convincere le autorità che si occupano della regolamentazione che i sistemi di consenso esistenti sono opportuni, probabilmente dovrà fare importanti cambiamenti. 

Autore: Jon Fingas
*/?>