Un trend di successo nel business: gli uffici temporanei

Oggi siamo testimoni di un trend “temporaneo”: il negozio temporaneo, l’ufficio temporaneo, persino il ristorante temporaneo. Sta crescendo la convinzione che sia più logico pagare in stile “pay per view”, in questo caso meglio dire “pay per use”, piuttosto che legarsi a contratti eccessivamente lunghi. Cos’è che spinge la gente a scegliere questa nuova opzione rispetto a quella vecchia? Noi pensiamo che sia in risposta a delle reali esigenze e vi spiegheremo il perché.

L’ingrediente vincente per sopravvivere in tempi di crisi è la flessibilità, la quale ha sempre caratterizzato il sistema economico italiano attraverso una predominanza di piccole e medie imprese, che risultano agili e versatili e che oggi stanno assumendo nuove caratteristiche. Prendete per esempio la disponibilità di prendere in affitto degli uffici temporanei. In passato l’ufficio temporaneo ha ricevuto delle critiche negative, colpa di truffatori che aprono e chiudono uffici in continuazione, così da dileguarsi dopo essersi approfittati di clienti ingenui. Oggi invece, l’ufficio temporaneo è un potente strumento che favorisce professionisti ed imprenditori all’avanguardia. La chiave del successo dell’ufficio temporaneo è quella che vi permette di ridurre il costo dell’investimento iniziale e in più conferisce flessibilità alla vostra azienda.

Grazie all’affitto di un ufficio temporaneo è possibile avviare un’azienda molto velocemente con un contratto di affitto standard, il quale essendo rinnovabile mensilmente elimina anche l’importo della caparra. Scegliete per l’ubicazione della vostra azienda un’area commerciale già sviluppata e funzionale, tutto ciò che vi servirà sarà un computer portatile. Se volessimo invece, aprire la nostra sede in uno spazio per uffici tradizionale, a Milano per esempio, o in un’altra grande città qualsiasi, la storia sarebbe totalmente differente. A Milano, il contratto d’affitto più breve per questo genere di attività è di un minimo di sei anni, rinnovabile di sei in sei; l’affittuario deve notificare un’eventuale scioglimento del contratto d’affitto con 12 mesi d’anticipo e versare una caparra di almeno 3 mesi alla firma del contratto; ci sarà la necessità di firmare altri contratti con molteplici fornitori; e bisognerà impegnarsi nella gestione giornaliera dell’ufficio. Questo è un lungo percorso che richiederà mesi.

Mentre l’ufficio temporaneo una volta era considerata una soluzione temporanea, oggi viene più giustamente definita una soluzione dinamica. L’ufficio potrà crescere grazie alle attività dell’azienda e ci sono delle compagnie che preferiscono questo tipo di soluzione affittuaria piuttosto che un’altra che duri periodi di tempo eccessivamente estesi. Queste vanno dalle multinazionali che scelgono il sito per una nuova base italiana, a professionisti italiani che scelgono di insediarsi in uffici già predisposti ad accogliere le loro aziende piuttosto che spendere ulteriori somme per arredare un locale vuoto.

Se il networking è la linfa vitale di una azienda, un vantaggio aggiunto viene offerto da un’area commerciale che promuove l’utilizzo di uffici temporanei, ciò favorisce l’incontro e lo scambio di idee e di opinioni tra numerosi professionisti che svolgono attività simili o complementari tra loro. In questo caso la collaborazione tra le varie aziende situate nella stessa zona può soddisfare per intero le esigenze del cliente. In aggiunta un cliente potrebbe anche incontrare in caso di necessità, ragionieri, avvocati e altri consulenti in maniera progressiva e funzionale in modo da garantire un vantaggio strategico ed economico. Inoltre le aree commerciali più sofisticate offrono una vasta varietà di spazi, uffici integrati tra loro, sale riunioni, e sale adibite ad eventi. Il business center dimostra ancora come la temporaneità sia un valore aggiunto.

Executive Service Network è un operatore di spicco nel campo dell’affitto di uffici già arredati e pronti all’immediato utilizzo. Gestisce business center che offrono più di 100 uffici temporanei tra Milano, Roma ed altri importanti capoluoghi di provincia.